L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 7 marzo 2013

CARCERI: RADICALI VISITANO REGINA COELI, CONFERMATE CARENZE STRUTTURALI E SOVRAFFOLLAMENTO

(AGENPARL) - Roma, 07 mar - Una delegazione di Radicali, guidata dal Consigliere Regionale del Lazio Rocco Berardo, accompagnato da Josè De Falco e Sergio Rovasio, ha visitato oggi il Carcere di Regina Coeli. Sono stati visitati alcuni reparti del carcere con particolari situazioni di criticità. Il Direttore di Regina Coeli ha fornito alcuni dati che confermano la grave situazione riguardo il sovraffollamento e la grave carenza di personale. Due reparti del centro clinico sono in ristrutturazione e questo determina una ulteriore carenza di servizi sanitari che si riverbera sulle condizioni dei detenuti malati. Il Carcere ha una popolazione di 1.040 detenuti su una capienza teorica di 850 detenuti ma reale, vista la chiusura di alcuni reparti di non più di 600 detenuti circa. Il problema del sovraffollamento del carcere determina l’occupazione di aree destinate alla socialità a vere e proprie celle con anche 10 letti ciascuna. Molti detenuti visitati hanno lamentato la detenzione dentro le celle anche per 23 ore al giorno con una sola ora d’aria proprio per la mancanza di altre aree idonee per altre attività. Il personale è costretto a svolgere normalmente doppi turni anche di 15 ore. Vi sono anche gravi carenze riguardo ogni forma di assistenza psicologica e sociale. La 5^ sezione non viene aperta pur essendo ristrutturata in attesa che arrivi nuovo personale e relativi nuovi arredi. La 6^ sezione dovrebbe aprire il prossimo giugno. Tra i gravi problemi riscontrati vi è quello del lavoro che è assegnato a non più di un centinaio di detenuti per pochissime ore ciascuno. Tra gli altri problemi di carenze strutturali vi è la mancanza di riscaldamento nelle celle e una forte umidità riscontrabile in tutte le aree del carcere. Alcuni detenuti hanno riferito di non aver potuto votare nonostante abbiano fatto regolare richiesta senza comprenderne le ragioni.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget