L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 5 febbraio 2013

Noto (SR): detenuto di 42 anni si impicca in cella, era stato trasferito lontano dalla famiglia


OSSERVATORIO PERMANENTE SULLE MORTI IN CARCERE
Radicali Italiani, Associazione “Il Detenuto Ignoto”, Associazione “Antigone”
Associazione A “Buon Diritto”, Redazione “Radiocarcere”, Redazione “Ristretti Orizzonti”

Noto (SR): detenuto di 42 anni si impicca in cella, era stato trasferito lontano dalla famiglia
Nel 2013 sono già 6 i reclusi morti suicidi e 18 il totale dei decessi in carcere

Natale Coniglio, operaio 42 enne originario di Stilo (RC), ieri si è tolto la vita nel carcere di Noto (SR) in cui era detenuto, impiccandosi nella sua cella. Era stato condannato per furto e ricettazione.
La famiglia dell’uomo aveva più volte fatto presente agli organi giudiziari la fragilità psicologica di Natale, e aveva anche avanzato al Tribunale di Sorveglianza formale richiesta di assegnazione alla detenzione domiciliare in una clinica specializzata per scontare il resto della pena.
Il rigetto dell’istanza e il trasferimento dal carcere di Locri a quello di Noto sono stati, almeno secondo le prime ricostruzioni, la goccia che ha fatto traboccare il vaso. È stata già disposta dal magistrato incaricato l’autopsia sul corpo.

Nelle carceri centocinquanta decessi l’anno, di cui oltre un terzo per suicidio

I numeri forniti dal Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria parlano di oltre 3.000 detenuti morti negli ultimi 20 anni, dei quali circa un terzo per suicidio (vedi documento pdf allegato).
Il nostro Osservatorio dal 2002 raccoglie notizie da fonti “indipendenti” rispetto all’istituzione carceraria (operatori sociali, volontari, parenti dei detenuti, etc.) ed al confronto con i dati ufficiali ci risultano, ogni anno, alcune decine di morti in più. Il motivo di questa divergenza sta nel fatto che prendiamo in considerazione anche i detenuti morti in ospedale, dopo aver tentato il suicidio in cella, o per l’esito di malattie che sono insorte o si sono aggravate durante la detenzione, o per altri avvenimenti occorsi in condizione di privazione della libertà.
Il caso Cucchi è emblematico di ciò che intendiamo per “morire di carcere”: Stefano è morto fuori dalle mura penitenziarie (in una stanza dell’Ospedale “Pertini”) e ancora non è accertato se per la negligenza dei medici o per traumi contusivi subiti. Però se non fosse stato “un detenuto” molto probabilmente sarebbe ancora vivo.
L’Osservatorio permanente sulle morti in carcere cerca di approfondire le cause dei decessi delle persone recluse restituendo la “dimensione umana” che le nude cifre del Ministero non possono rappresentare, a cominciare dall’età media dei suicidi: 37 anni; ma è solo poco più alta (39 anni) l’età media dei detenuti morti per malattia: nelle carceri italiane la “speranza di vita” delle persone si dimezza, rispetto a “fuori”.
Gli stranieri sono il 35% della popolazione detenuta, ma quasi il 50% dei morti in carcere, nonostante i reclusi stranieri siano mediamente più giovani degli italiani.
L’80% dei decessi riguarda persone condannate a meno di 3 anni, il 40% persone in attesa di giudizio, tecnicamente innocenti e in 1 caso su 2 destinate ad essere assolte… se fossero sopravvissute alla “carcerazione preventiva”.
Il detenuto morto suicida ieri a Noto era segnalato come soggetto “psicologicamente fragile”, avrebbe “potuto” essere in misura alternativa, avrebbe “dovuto” essere ristretto nella Regione di residenza della famiglia.
La morte, ogni anno, di 150-180 detenuti non è un’ineluttabile “effetto collaterale” dell’esecuzione della pena nelle carceri italiane, ma un pesante deficit di umanità e di legalità del nostro sistema giudiziario.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget