L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 29 novembre 2012

CARCERI: TESTA (RADICALI), LEGGE CIRIELLI E' CAUSA SFACELO


(AGENPARL) - Roma, 29 nov - "Edmondo Cirielli, più che parlare di amnistia mascherata riferendosi al provvedimento sulla messa alla prova, dovrebbe invece rendersi conto che gran parte dello sfacelo del sistema carcerario, che registra in questi tempi il più alto numero di detenuti che affollano le nostre carceri, lo si deve proprio alla legge che porta il suo nome".
Così Irene Testa, segretario dell'Associazione Detenuto ignoto e membro della direzione dei Radicali, replica a Cirielli.
"Già nel 2005, quando si approvò la sciagurata legge 251, denunciavamo che essa avrebbe devastato il già disastrato sistema delle carceri italiane, che gli istituti di pena sarebbero ritornati in poco tempo indietro di 20-30 anni, e il numero dei detenuti sarebbe presto quadruplicato, con gli effetti che ciascuno immaginava. Infatti - afferma Testa in una nota - la legge elimina i benefici e le previsioni dell'esistente legge Gozzini per tutti i recidivi (cioè, per oltre i due terzi degli attuali detenuti); aumenta una serie di pene anche per reati di minore gravità; elimina, al terzo reato, qualunque beneficio previsto dalle leggi vigenti. Date le condizioni, di allora e a maggior ragione delle attuali, in cui versano gli istituti di pena italiani, l'aver prodotto una tale normativa è stata un'autentica follia e, come Radicali, eserciteremo le dovute pressioni perché le Camere modifichino quella che è oggi una delle maggiori cause del malfunzionamento del sistema penale".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget