L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 22 settembre 2012

TESTA E GERARDI: SALLUSTI? VITTIMA DELLE LEGGI CRIMINOGENE VOLUTE DAL CENTRODESTRA



Dichiarazione di Irene Testa, segretario dell’Associazione Il Detenuto Ignoto e di Alessandro Gerardi, membro del Comitato Nazionale di Radicali Italiani.

Se Sallusti rischia il carcere è per colpa delle leggi criminogene approvate in questi anni dal centrodestra, basti pensare alla legge ex Cirielli che, da un lato, impedisce ai recidivi reiterati di ottenere la sospensione della esecuzione delle sentenze a pene detentive non superiori a tre anni e, dall’altro, introduce per chi ha precedenti penali notevoli restrizioni nell’accesso alle misure alternative. Deve quindi essere chiaro che senza la stretta sui recidivi, voluta dalla maggioranza di centrodestra nel 2005 anche con l’avallo di giornalisti come Sallusti, oggi il direttore de Il Giornale non rischierebbe nemmeno un giorno di carcere in quanto potrebbe chiedere la sospensione della sentenza di condanna scontando i 14 mesi di reclusione in misura alternativa. Quindi oltre ad indignarsi il centrodestra e i giornalisti come Sallusti si facciano anche un bell’ esame di coscienza e soprattutto riflettano sui guasti provocati da una visione puramente punitiva ed afflittiva della pena che in tutti questi anni è stata capace di creare solo emarginazione e a facilitare il rientro dei detenuti in contesti criminali aumentando con questo il sovraffollamento dei nostri istituti penitenziari. Ci auguriamo che Sallusti riesca a risolvere positivamente la sua vicenda, nel frattempo però si riveda la legge criminogena detta ex Cirielli, magari partendo dalle proposte depositate in questa legislatura dalla deputata radicale Rita Bernardini.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget