L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 25 settembre 2012

Giustizia, Severino: Priorità a DDL anticorruzione e carceri


Adnkronos, 24 settembre 2012
 Nel “pacchetto” di riforme sulla giustizia che il governo considera prioritarie c’è innanzitutto l’approvazione del Pdl corruzione e poi il tema delle carceri. Il ministro della Giustizia, Paola Severino, ha indicato così l’agenda dell’esecutivo rispondendo a una domanda dei cronisti che, a margine del saluto alle matricole della Luiss, le chiedevano di commentare le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Mario Monti.Il pacchetto, ha ribadito il ministro, precisando di non volersi “rendere interprete del pensiero di Monti” è quello “presentato dal governo fin dall’inizio”. Innanzitutto, “la legge anticorruzione, fondamentale per il Paese, e che in ogni modo deve essere approvata entro la fine della legislatura”.Poi, il tema delle carceri. A questo proposito il ministro ha ricordato le norme, in discussione in commissione Giustizia alla Camera sulle misure alternative, “un completamento importante di quello che il governo ha pensato per deflazionare il carcere”.Il ministro ha poi ricordato altri progetti, tra i quali la digitalizzazione e, più in generale, norme che “attengono allo snellimento della giustizia civile”. Altri provvedimenti, ha sottolineato poi il ministro riferendosi al “trittico” indicato dal Pdl, che vorrebbe che il ddl anticorruzione procedesse di pari passo con intercettazioni e responsabilità civile dei giudici, “non sono ancora stati calendarizzati. Quando lo saranno saremo pronti a ragionarci”

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget