L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 12 giugno 2012

Detenuto si impicca nel carcere di Ancona


Carcere di AnconaSi è impiccato nel bagno del carcere di Ancora. Il cadavere di Mauro Fores, detenuto a Montacuto per omicidio volontario della moglie, è stato ritrovato questa mattina.                                      
L'uomo era affetto da patologie psichiatriche ed era seguito dal servizio psichiatrico del'Asur. Foresi da gennaio non vedeva la figlia Milena, rimasta a lungo in stato di choc per aver assistito alla morte della madre.
Mauro Foresi aveva sempre sofferto di patologie mentali. I suoi disagi psichici si erano aggravati dopo che il fratello Maurizio era morto per una malattia e dopo che la crisi economica aveva messo in difficoltà la sua attività. Lo scorso 14 gennaio, dopo l'ennesimo litigio, aveva impugnato un revolver e aveva sparato alla moglie. La figlia, testimone dell'omicidio, era corsa a chiamare i soccorsi. L'omicida si era barricato in casa, una villetta bifamiliare in via della Repubblica a Civitanova, e solo dopo una lunga trattativa si era arreso ai carabinieri, consegnando il revolver.
"Questo è l'ennesimo episodio - dichiara Italo Tanoni, Garante regionale dei detenuti - di una serie di fatti drammatici e luttuosi che dimostra l'urgenza di interventi risoluti per migliorare le condizioni di vita negli istituti penitenziari marchigiani. Il sovraffollamento delle carceri, accompagnato dal sottodimensionamento del personale penitenziario - continua Tanoni - rende la situazione insostenibile e la condizione di disagio dei detenuti si amplifica sempre di più". (Rainews24)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget