L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





mercoledì 13 giugno 2012

Carceri/ Tre poliziotti penitenziaria aggrediti a Regina Coeli

Carceri/ Tre poliziotti penitenziaria aggrediti a Regina CoeliRoma, 13 giu. Tre separate aggressioni con lesioni a poliziotti penitenziari, da parte dello stesso detenuto di
nazionalità eritrea, sono avvenute oggi nel carcere di Roma Regina Coeli, nella settima e nell'ottava sezione detentiva e nell'ufficio matricola: lo annuncia l'Osapp, organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria, in una lettera a firma del segretario generale Leo Beneduci e indirizzata ai gruppi parlamentari di Camera e Senato.
"Se consideriamo che gli episodi di violenza in carcere stanno aumentando (altre aggressioni ieri in Sicilia e in Piemonte) e che le condizioni di vivibilità degli istituti di pena stanno peggiorando giorno dopo giorno (66.650 detenuti per 45.560 posti pari a 21.000 eccedenze) - prosegue il sindacato - le premesse per un'estate estremamente calda nelle carceri italiane ci sono tutte e non sembrano esserci correttivi all'attuale degrado".
"Occorrerebbero quindi, in sede legislativa, atti di urgente e concreta buona volontà a partire da un provvedimento di amnistia di cui le carceri e tutto sistema giudiziario non possono più fare a meno - conclude Beneduci - perché se le condizioni e le tensioni nelle carceri dovessero peggiorare ulteriormente i rischi ed i danni non sarebbero più a carico esclusivo dei poliziotti penitenziari ma dell'intera Collettività nazionale". (Il Mondo)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget