L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





venerdì 25 maggio 2012

Carceri: Fp-Cgil, vietato accesso delegazione a San Gimignano


Roma, 25 mag. (Adnkronos) - La Fp-Cgil ha sporto denuncia nei confronti della direzione del Carcere di San  Gimignano in seguito alla mancata autorizzazione all'accesso di una delegazione sindacale. L'amministrazione del carcere, notificando per e-mail il diniego, ha vietato anche un'assemblea dei lavoratori che si sarebbe dovuta tenere prima della visita dei locali dell'istituto. Ne da' notizia una nota del sindacato. 
"Siamo di fronte a un fatto gravissimo: si negano le liberta' sindacali ai lavoratori e non si riconosce a un'organizzazione il diritto sancito dalla normativa vigente di ispezionare i luoghi di lavoro del carcere. Un fatto inedito - afferma Fabrizio Fratini, Segretario Nazionale dell'Fp-Cgil - che rischia di minare la credibilita' delle istituzioni. Le carceri dovrebbero essere trasparenti, luoghi sottoposti al controllo non solo delle autorita' ma anche delle organizzazioni dei lavoratori e del mondo del volontariato. Cosi' si da' l'impressione di vivere in un sistema senza regole".
"Il fatto che si chiudano le porte di un istituto penitenziario - aggiunge Francesco Quinti, responsabile del comparto sicurezza dell'Fp-Cgil - ha implicazioni pesantissime sia dal punto di vista democratico che da quello piu' strettamente sindacale". Il governo e il ministro della Giustizia, sollecita Quinti, " dovrebbero avviare quanto prima una fase di confronto e intervenire efficacemente per allentare la crisi del sistema. Quanto al caso di San Gimignano, chiediamo che la ministra Severino e il capo del Dap Tamburino intervengano celermente per porre fine a questa vicenda incresciosa e ripristinare la legalita"'.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget