L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 7 aprile 2012

Giustizia: Osapp; almeno 16mila detenuti in “contenimento chimico” mediante psicofarmaci


Ansa, 7 aprile 2012

“Oltre il 40% dei detenuti in attesa di giudizio nelle case circondariali, pari ad oltre 12mila individui e oltre il 10% di detenuti condannati nelle case di reclusione pari ad ulteriori 3.500 - 4.000 sono soggetti ad una sorta di contenimento chimico nelle carceri italiane, a causa del massiccio uso di psico-farmaci” è quanto denuncia l’Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) in un nota a firma del segretario generale Leo Beneduci.

“A leggere la lunghissima lista dei farmaci somministrati in carcere - prosegue il sindacato - c’è da rimanere esterrefatti visto che, a parte gli ettolitri di valium, nelle patrie galere si somministra praticamente di tutto, dagli antipsicotici agli ipnotici, dagli antidepressivi agli oppiacei, dalle benzodiazepine agli stabilizzatori dell’umore”.
“Si tratta, spesso, di farmaci di non facile reperimento all’esterno, visti gli altissimi rischi di dipendenza e che invece in carcere vengono assunti, su prescrizione del medico dell’istituto e in presenza del personale paramedico e di polizia penitenziaria, quali medicine di contenimento in quanto somministrate non secondo tempi e modalità indicati dalle case farmaceutiche nel bugiardino, ma solo quando viene effettuato il giro della terapia interno alle sezioni”.
Secondo l’Osapp: “È facile immaginare che il maggior consumo di psicofarmaci nelle case circondariali, da parte dei detenuti in attesa di giudizio, rispetto ai detenuti con condanna definitiva nelle case di reclusione, sia legato alla maggiore libertà interna per le attività sociali, ricreative o culturali di questi ultimi, rispetto ai detenuti in attesa di giudizio costretti in cella anche per 20 ore ogni giorno.”
“In carcere esiste un vero e proprio borsino - indica ancora il leader dell’Osapp - tanto che, ad esempio, mezza pasticca di subtex (un oppiaceo) di regola viene scambiata con due pacchetti di sigarette, mentre venti gocce di rivotril (un tranquillante) equivalgono a 5 sigarette. In alcuni casi vengono persino preparati dei micidiali cocktail con più farmaci e non è da escludersi che tali miscugli siano direttamente collegati alle morti in carcere per overdose o per inalazione di gas dalle bombolette dei fornellini nelle celle”.
“Di regola è ritenuto che la sofferenza ed il disagio nelle attuali carceri italiane siano legati al sovraffollamento (66.318 detenuti per 45.757 posti il 5 aprile 2012), all’inigienicità dei locali e alle carenze di risorse e di personale - conclude Beneduci - e non si immagina minimamente che le nostre carceri siano anche una fabbrica di tossico-dipendenti o, nella migliore ipotesi, di intossicati da abuso di farmaci con il costo che ne consegue per la società e questo sarebbe, di per se, un motivo più che valido per deflazionare subito e con immediati provvedimenti di clemenza il sistema penitenziario”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget