L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





lunedì 30 aprile 2012

Carceri: Schifani, subito riforma. Senato e' pronto

30 Aprile 2012 - 10:06 (ASCA) - Roma, 30 apr - ''Per quanto mi riguarda proporro' ai miei colleghi e alla piu' alte cariche dello Stato di dedicare all'emergenza carceraria una nuova sessione parlamentare''. Lo dice il presidente del Senato, Renato Schifani in un intervento pubblicato sul Il Giornale. ''Posso garantire fin d'ora che non sara' un semplice dibattito. Per quell'occasione dovranno essere presenti in Aula i rappresentati piu' significativi del governo ai quali chiedere non solo di prendere nota di ogni suggerimento ma anche di sottoporre al vaglio del Parlamento proposte concrete e provvedimenti immediati'' continua. Per Schifani ''va profondamente rivisto il concetto di pena che non puo' essere solo carcere e galera. Le pene alternative sono, e lo potranno essere ancora di piu', una conquista irreversibile delle civilta' occidentali. Poi occorre una depenalizzazione intelligente delle nostre leggi, nella convinzione politica e culturale che non tutti i mali della societa' possono essere risolti per via giudiziaria''. E occorre soprattutto, aggiunge la seconda carica dello Stato ''rivedere radicalmente l'istituto della carcerazione preventiva: oggi il 42% degli sventurati ammassati dentro le carceri sono in attesa di giudizio''. Infine il governo, conclude Schifani, ''dovrebbe stabilire accordi bilaterali con Paesi come il Marocco o l'Albania che contano un numero altissimo di immigrati rinchiusi nerlle nostra carceri e che, secondo un dettato del diritto internazionale, dovrebbero invece scontare la pena a casa loro''.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget