L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





venerdì 6 aprile 2012

Carceri, A Pasqua fila indiana Radicali Regina Coeli-S.Pietro


ROMA - Domenica di Pasqua i Radicali hanno dato appuntamento alle 10 davanti al carcere di Regina Coeli, "luogo simbolo della violazione costante di violazione di diritti umani fondamentali", per "spostarsi in fila indiana verso via della Conciliazione e raggiungere Piazza San Pietro prima dell`Angelus".

"E' un omaggio che vogliamo rendere - è scritto nell'annuncio dell'iniziativa- a Giovanni Paolo II che nella Pasqua del 1979 accolse con parole forti d`amore i marciatori contro lo sterminio per fame nel mondo che raggiunsero a migliaia, da Porta Pia, Piazza San Pietro. Non mancarono allora le voci scettiche e diffidenti che ritennero quell`itinerario offensivo nei confronti della Chiesa Cattolica, ma a fronte di un atteggiamento ostile dell`Avvenire fu l`Osservatore Romano con un articolo di Padre Gino Concetti a compiacersi della campagna contro lo sterminio per fame dei radicali".

"Anche oggi laici e cattolici - prosegue la nota- si ritrovano uniti nell`obiettivo di interrompere la flagrante violazione di diritti umani universalmente acquisiti sia per la drammatica situazione delle carceri, sia per il malfunzionamento della giustizia soffocata da dieci milioni di procedimenti penali e civili inevasi. Lo dimostrano gli annunci di partecipazione alla II Marcia per l`amnistia, la giustizia e la libertà del 25 aprile, di Don Antonio Mazzi (che già promosse la marcia di Natale del 2005), di Don Luigi Ciotti, di Don Andrea Gallo, di venti cappellani delle carceri, della rivista Tempi, del volontariato cattolico e del sostegno dei Vescovi della Basilicata a partire da Monsignor Agostino Superbo". TM/News

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget