L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





venerdì 6 aprile 2012

Carceri: Osapp, 16mila detenuti in 'contenimento chimico'


06 Aprile 2012 - 16:53
(ASCA) - Roma, 6 apr - ''Oltre il 40% dei detenuti in attesa di giudizio nelle case circondariali, pari ad oltre 12mila individui e oltre il 10% di detenuti condannati nelle case di reclusione, pari ad ulteriori 3.500-4.000 persone, sono soggetti ad un sorta di 'contenimento chimico' nelle carceri italiane, a causa del massiccio uso di psico-farmaci''. E' quanto denuncia l'Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) in un nota a firma del segretario generale Leo Beneduci.

''A leggere la lunghissima lista dei farmaci somministrati in carcere - prosegue il sindacato - c'e' da rimanere esterrefatti visto che, a parte gli ettolitri di valium, nelle patrie galere si somministra praticamente di tutto, dagli ''antipsicotici' agli ''ipnotici', dagli 'antidepressivi' agli 'oppiacei', dalle 'benzodiazepine' agli 'stabilizzatori dell'umore'''.

''Si tratta, spesso, di farmaci di non facile reperimento all'esterno, - spiega il sindacato - visti gli altissimi rischi di dipendenza e che invece in carcere vengono assunti, su prescrizione del medico dell'istituto e in presenza del personale paramedico e di polizia penitenziaria, quali medicine di 'contenimento' in quanto somministrate non secondo tempi e modalita' indicati dalle case farmaceutiche nel bugiardino, ma solo quando viene effettuato il giro della terapia interno alle sezioni''.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget