L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 12 aprile 2012

Carceri/ Marcia per amnistia, giustizia e libertà 25 aprile Roma Tra promotori radicali, sacerdoti, sindacati, Ilaria Cucchi


Roma12 apr. (TMNews) - Continuano ad aumentare le adesioni alla II Marcia per l'amnistia, la giustizia e la libertà che si terrà aRomail 25 aprile prossimo. Lo rende noto un comunicato dei Radicali, che sono tra i promotori dell'evento.
"Sono oltre 1500 coloro che hanno già preannunciato la propria partecipazione a questo appuntamento e più di 500 quelli che, con il Partito Radicale, hanno scelto di farsi promotori della marcia che, come quella di Natale del 2005, sarà aperta da Don Antonio Mazzi insieme a Don Luigi Ciotti e Don Andrea Gallo, e che gode del sostegno di numerosi cappellani delle carceri e di altri religiosi tra cui Vescovi della Basilicata".
Nel comitato promotore, tra gli altri, la Chiesa Valdese, la Coreis, Comunità religiosa islamica, Cgil, Cisl, Ugl, i sindacati di Polizia Penitenziaria Uilpa e Osapp, quello dei direttori penitenziari, Si Di Pe, la Cgia di Mestre, l'Unione Camere Penali, e poi personalità singole come Giuliano Amato, Rita Levi Montalcini, Giuliano Pisapia, Flavio Zanonato, e ancora accademici come Giuseppe Di Federico, Margherita Hack, Fulco Lanchester, Antonio Martino e Gianfranco Pasquino. Ancora, testate come la rivista ciellina 'Tempi', 'Il Foglio' e 'il Manifesto', la Conferenza Nazionale Volontariato e Giustizia, oltre a numerosi garanti dei diritti dei detenuti e familiari tra cui Ilaria Cucchi, Lucia Uva e Rudra Bianzino.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget