L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 28 aprile 2012

CARCERI, BERNARDINI: INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SUL CASO FRANCESCHI, UCCISO IN FRANCIA

La deputata dei Radicali, Rita Bernardini, ha presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro della Giustizia e al Ministro degli Esteri, per riuscire ad arrivare alla verità sul caso di Daniele Franceschi, che ha trovato la morte in un carcere francese il 25 agosto 2010. A distanza di quasi due anni ancora non c’è giustizia per la madre di Daniele, Cira Antignano, e ancora non è stata fatta luce sulle dinamiche che hanno portato alla morte del ragazzo 36enne. Sul blog di Rita Bernardini è riportato il testo integrale dell’interrogazione in cui sono riassunte in modo cronologico i momenti salienti della drammatica vicenda da parte dell’Avv. Aldo Lasagna, legale della famiglia Franceschi/Antignano. In particolare con questa interrogazione si vuole arrivare a sciogliere importanti nodi della faccenda e chiedere ai ministri della Giustizia e degli Esteri se: - quale sia, dopo 20 mesi, la ricostruzione che i Ministri interrogati fanno della vicenda; - se i Ministri siano tenuti costantemente informati sulla vicenda dalle nostre rappresentanze diplomatiche in Francia che seguono il caso del nostro connazionale deceduto nella prigione di Grasse; - come mai, nonostante le rassicurazioni, il corpo del giovane Daniele Franceschi sia rientrato in Italia in pessimo stato di conservazione e privo degli organi interni; - cosa è in grado di dire il Ministro degli esteri sulla circostanza per la quale alla fine di ottobre 2010 le autorità francesi affermavano che gli organi interni fossero ancora sotto esame e che sarebbero stati resi disponibili solo a dicembre 2010; - quale sia la ragione per la quale gli organi espiantati di Daniele Franceschi non siano stati ancora restituiti alla madre dopo più di venti mesi dal tragico evento - se corrisponda al vero il fatto che l’ambasciata francese a Roma abbia contattato recentemente la Sig.ra Cira Antignano per comunicarle che gli organi di suo figlio «sono meri reperti» e che quindi non le sarebbero mai stati restituiti; - se siano in grado di dire in quale ospedale sia morto il giovane Daniele Franceschi; - cosa abbiano intenzione di fare per ottenere dalle autorità francesi spiegazioni convincenti rispetto alle contraddittorie risposte fin qui ottenute; - quali iniziative intendano mettere in atto per supportare la madre di Daniele Franceschi nella drammatica ricerca della verità sulle cause della morte del figlio. (Cladenstinoweb)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget