L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





lunedì 5 marzo 2012

Giustizia: Sappe; contro i suicidi non servono Commissioni, ma un ripensamento delle pene


Contro i suicidi in carcere “quello che serve non sono Commissioni ministeriali o di monitoraggio” ma un ripensamento complessivo della pena”. Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe.
“Non penso - scrive Capece - che la riattivazione da parte dell’Amministrazione penitenziaria dell’Umes, unità di monitoraggio degli eventi suicidari in carcere, sarà efficace nel contrasto alla tragica realtà dei suicidi e delle morti in carcere”. “La Polizia penitenziaria - ricorda il Sappe - ha 7 mila agenti in meno negli organici e le carceri, che dovrebbero ospitare non più di 45 mila persone, ne vedono presenti 67mila. Per questo speriamo che il disegno di legge presentato dal ministro della giustizia Paola Severino sulla messa in prova venga approvato al più presto”. Il Sappe chiede poi interventi a tutela delle “condizioni di lavoro delle donne e degli uomini della Polizia penitenziaria che stanno nella prima linea delle sovraffollate sezioni detentive italiane 24 ore al giorno”.
Ansa

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget