L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 20 marzo 2012

BENE POLVERINI SU SITUAZIONE CARCERI. LA INVITIAMO A II MARCIA DI PASQUA PER L’AMNISTIA, LA GIUSTIZIA E LA LIBERTA'.


COMUNICATO STAMPA

Roma, 20 marzo 2012
Dichiarazione dei Consiglieri regionali Giuseppe Rossodivita e Rocco Berardo, Lista Bonino Pannella, Federalisti Europei



"Ringraziamo la Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini per la sensibilità dimostrata sulla vicenda delle carceri della Regione Lazio. La situazione del sovraffollamento nelle 15 carceri del territorio della Regione è molto grave. Gli oltre 6.500 detenuti, a fronte di una capienza regolamentare di 4.600 detenuti, offre bene l’idea di quali siano le condizioni di detenzione.

In questi mesi abbiamo visitato anche noi, in diverse occasioni, le carceri e non c’è dubbio che la situazione di illegalità è sempre più palese sia rispetto ai detenuti che al personale, anche della polizia penitenziaria.

Vogliamo ricordare che il carcere è una parte del problema della giustizia, particolarmente grave nel territorio della Regione Lazio.

Ci auguriamo che la Presidente della Regione Renata Polverini insieme a tutta la Giunta regionale voglia accogliere il nostro invito a partecipare alla II Marcia per l’Amnistia, la Legalità e la Libertà che terremo l’8 aprile, il giorno di Pasqua, per le strade di Roma, e che stiamo promuovendo insieme a centinaia di personalità e organizzazioni impegnate sul fronte del rispetto dei diritti civili e umani. Ci auguriamo che la Regione Lazio partecipi a questo importante evento di dialogo e di proposta per sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema considerato da troppi marginale e che riguarda il rispetto della vita di tutti".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget