L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 11 febbraio 2012

Pestaggi nel carcere di Bolzano


Guai per gli agenti di polizia penitenziaria del carcere di Bolzano, che sono stati segnalati nell'ambito di un'inchiesta sui presunti pestaggi avvenuti dopo una rivolta di fine gennaio. Tra gli agenti 'schedatì ci sarebbe anche Carolina Kostner. La pattinatrice gardenese e la Procura però negano. Carolina fa parte del gruppo sportivo delle Fiamme Azzurre e da anni non opera nel carcere.
L'inchiesta parte dalla denuncia di un detenuto, che lamenta di essere stato picchiato da alcuni agenti della polizia penitenziaria perchè ritenuto uno dei responsabili della rivolta. «Abbiamo aperto un fascicolo per verificare la fondatezza delle accuse», conferma il procuratore Guido Rispoli. I carabinieri hanno così provveduto alla acquisizione di foto degli agenti da presentare poi alla presunta vittima del pestaggio per una eventuale identificazione.
Il sindacato accusa la direzione del carcere di Bolzano di essersi «preoccupata soltanto di invitare verbalmente il personale a recarsi nella caserma dei carabinieri per effettuare le foto, semmai anche in attività di servizio, senza alcuna disposizione formale». Secondo la Uil penitenziari, «questa generalizzazione, che ha portato anche alla fotosegnalazione della Carolina Kostner, che notoriamente non è impegnata in compiti operativi e non è presente a Bolzano, nuoce gravemente all'immagine del Corpo ma anche alla professionalità di chi è deputato ad accertare i fatti per cui si procede». Il procuratore Rispoli precisa in merito che l'iniziativa ha riguardato «solo gli agenti effettivamente in servizio e non è stata limitata a un numero ristretto di agenti per non danneggiare l'inchiesta». «Carolina attualmente è in Germania per gli allenamenti in vista dei mondiali di fine marzo», racconta la sua portavoce Giulia Mancini. «Da anni - aggiunge - Carolina non opera nel carcere di Bolzano, ma fa parte del gruppo sportivo». (Fonte Leggo)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget