L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





mercoledì 25 gennaio 2012

Tentato suicidio al carcere minorile del Pratello


Tentato suicidio al carcere minorile del Pratello, a Bologna: un giovane magrebino martedì sera ha tentato di togliersi la vita «nella propria cella», fanno sapere i sindacati, ma è stato fermato prima che fosse troppo tardi. Lo rende noto Domenico Maldarizzi, coordinatore provinciale della Uil penitenziari, ma anche il segretario del Sappe, Giovanni Battista Durante, diffonde una nota con la medesima notizia.
Stando alle «prime notizie in nostro possesso», il ragazzo avrebbe «tentato di impiccarsi con una striscia di stoffa ricavata dalle lenzuola», fa sapere Maldarizzi, ma «fortunatamente l'agente di sorveglianza si è accorto di quanto stava capitando ed è immediatamente intervenuto per liberarlo dal cappio». Identica la versione dei fatti fornita dal Sappe: l'agente della polizia penitenziaria «ha salvato da morte certa un giovane detenuto straniero che si era impiccato utilizzando le lenzuola. L'agente, accortosi dell'accaduto, è intervenuto immediatamente ed ha scongiurato il peggio». Al giovane è stata praticata la rianimazione, «strappandolo letteralmente dalla morte», sottolinea Maldarizzi. Uil e Sappe lodano dunque gli agenti del Pratello che dovrebbero presto essere trasferiti altrove dopo le denunce e le indagini sugli abusi compiuti all'interno dell'Istituto. (Fonte corriere di Bologna)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget