L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 12 novembre 2011

Giustizia: Osapp; emergenza carceri grave quanto quella economica, sì Pannella ministro




Comunicato stampa, 12 novembre 2011

“Nelle attuali condizioni delle carceri italiane, con i detenuti che hanno nuovamente superato le 67.700 presenze detentive per 45.500 posti e con gli internati, tra cui i malati di mente, che toccano le 1.800 presenze, non possiamo correre il rischio che in un Governo tecnico, o di larghe intese, la scelta per il dicastero della giustizia cada su figure di secondo piano o che abbiano quale unico titolo di merito l’appartenenza agli ordini giudiziario o forense ed è per questo che abbiamo accolto con notevole favore la candidatura di Marco Pannella a nuovo Guardasigilli”: è quanto dichiara Leo Beneduci segretario generale dell’Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria).
“Il Ministro Nitto Francesco Palma, di cui abbiamo apprezzato l’intervento quest’oggi al giuramento dei 760 neo agenti di polizia penitenziaria, ha operato bene anche se il poco tempo trascorso dalla nomina rischia di non dargliene giusto merito - prosegue il sindacalista - ma alle attuali condizioni solo chi come Marco Pannella è impegnato da tutta una vita, al di fuori delle logiche di partito e prettamente elettorali, per ridare al Paese una giustizia giusta e carceri di cui non ci debba vergognare nel contesto europeo, può restituire vitalità e speranza al sistema”. “Ci auguriamo quindi - conclude Beneduci - che chi deve decidere sul futuro governo si renda conto che le emergenze giustizia e carceri in Italia non sono seconde all’emergenza economica e che le soluzioni possono arrivare solo attraverso scelte opportune e coraggiose”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget