L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 24 novembre 2011

Giustizia: in Senato la questione della chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari



La Gazzetta di Mantova, 23 novembre 2011

Potrebbero tornare subito in libertà 400 detenuti negli ospedali psichiatrici giudiziari (Opg) che si trovano in una “situazione intollerabile”: la denuncia-appello arriva dal presidente della commissione di inchiesta parlamentare sul Servizio sanitario nazionale, senatore Ignazio Marino (Pd), che paragona gli Opg “a gironi dell’inferno” e annuncia che porterà la condizione dei 1.500 detenuti che vi sono ancora ristretti all’attenzione dei nuovi ministri della Sanità e della Giustizia.
“Questi detenuti - ha detto il senatore Roberto di Giovan Paolo, presidente del Forum nazionale della salute nel carcere che si è riunito ieri a Torino, presente lo stesso Marino - non vengono liberati per ragioni burocratiche o per l’eccesso di zelo di alcuni magistrati di sorveglianza. Gli Opg - ha aggiunto - sono stati cancellati dall’ultima riforma della sanità penitenziaria, ma finora nessuno lo ha fatto nella realtà. Bisogna che si cominci a farlo, a partire da questi detenuti che avrebbero tutte le carte in regola per uscire ed essere reinseriti nella società”.
La Commissione guidata da Marino ha raccolto episodi di costrizione e degrado in tutti i sei Opg italiani: Castiglione delle Stiviere, Reggio Emilia, Montelupo Fiorentino (Firenze), Aversa (Caserta), Secondigliano (Napoli) e Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). Proprio in quest’ultimo, rimasto nelle condizioni del giorno in cui, nel 1925, fu inaugurato dal ministro Rocco, la Commissione ha scoperto i casi più drammatici di ‘ergastoli bianchì (così? sono chiamati i detenuti in quelli che un tempo erano definiti manicomi criminali).
Tra gli episodi, quello di un uomo legato a un vecchio letto per giorni, con un foro per le funzioni vitali, restando in condizioni di costrizione. “Vi sono persone - ha detto Marino - che per avere commesso una semplice bagatella si trovano rinchiuse in luoghi in cui se ognuno di noi chiudesse un cane o un cavallo verrebbe immediatamente arrestato”. In Senato è stato quindi votato un ordine del giorno per l’immediata chiusura degli Opg, “in modo che - ha concluso Marino - siano sostituiti da luoghi di cura per coloro che rappresentano un pericolo sociale e dalle cure sul territorio per tutti gli altri”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget