L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





domenica 16 ottobre 2011

Udine: due ladri i primi arrestati “respinti” dal carcere troppo affollato

di Cristian Rigo

Messaggero veneto, 16 ottobre 2011


Arrestati perché sorpresi a rubare all’Upim e liberati nell’arco di 24 ore (dopo il processo per direttissima) senza nemmeno passare per il carcere di via Spalato. I primi a sperimentare le nuove indicazioni della Procura per gli arresti in flagranza di reato sono stato due ucraini fermati dai carabinieri giovedì sera e trattenuti tutta la notte nella camera di sicurezza della caserma di viale Trieste in attesa di finire in tribunale. Ieri il giudice monocratico Mauro Qualizza ha emesso la sua sentenza: 6 mesi di reclusione, ma pena sospesa con la condizionale.
E così Anatolii Myroshnychenko, 42enne nato e residente in Ucraina disoccupato e incensurato al pari della 35enne Olena Kachurenko ieri sono tornati in libertà senza aver provato l’esperienza del carcere. A chiedere lo stop agli ingressi in carcere fino alla convalida dell’arresto era stata la direttrice reggente della casa circondariale, Irene Iannucci. “Altrimenti - aveva spiegato - c’è il rischio concreto che alcuni detenuti debbano accontentarsi di dormire a terra, con un materasso al posto della branda”. In via Spalato infatti non ci sono più posti liberi.
A fronte di una capienza massima di 169 persone, la popolazione carceraria ha raggiunto nei giorni scorsi quota 228 ma, secondo la Iannucci, “almeno il 30-40% dei detenuti che entrano in carcere viene rimesso in libertà nell’arco di 48 o al massimo 72 ore quando si svolge il processo per direttissima”. Sfruttando le camere di sicurezza delle caserme dei carabinieri e della Questura quindi si potrebbe dare una risposta concreta al problema del sovraffollamento. La prima è arrivata ieri dai carabinieri del Nucleo radiomobile della compagnia di Udine.
La gazzella è intervenuta giovedì ai magazzini dell’Upim di via Cavour intorno alle 19.30. A chiamare i militari erano stati gli stessi dipendenti del negozio insospettiti dall’atteggiamento di una coppia di stranieri che si aggira tra gli scaffali e i camerini provando diversi vestiti. Che poi sono finiti in uno zainetto. I due però non hanno fatto in tempo ad allontanarsi e l’arrivo immediato dei carabinieri ha permesso di recuperare tutta la refurtiva il cui valore si aggirava intorno ai 2-300 euro. La coppia è stata quindi accompagnata nella caserma di viale Trieste e tratta in arresto nella camera di sicurezza. A fornire il vitto agli “ospiti” è stato comunque il carcere di via Spalato ma, come richiesto dalla direttrice Iannucci, i due non hanno occupato nessun posto letto della casa circondariale.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget