L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





domenica 2 ottobre 2011

Giustizia: reprimere o rieducare… il labirinto del carcere



di Paolo Foschini

Corriere della Sera, 2 ottobre 2011


La quarta dimensione esiste. Un mondo che sta dentro a quello in cui viviamo, eppure invisibile ai più poiché da esso separato. È l’universo della detenzione, in altre parole la galera, pianeta tanto antico nella sua invenzione quanto concettualmente contraddittorio nella sua stessa esistenza: da un lato la “separazione” come suo momento fondamentale per proteggere la società dai cattivi (e guarda un po’ come questo termine per noi sinonimo di “malvagio” sia appunto figlio medievale del latino captivus, prigioniero), dall’altra il fatto che ogni prigione non può comunque prescindere da un contatto con l’esterno anche solo perché contenente persone appartenenti alla stessa famiglia umana.
Lo studio e la narrazione di questo pianeta, compiuti con la precisione di un saggio pieno di dati e la prosa chiara di un racconto pieno di fatti, sono l’obiettivo del volume curato da Domenico Alessandro Dè Rossi e scritto a otto mani con Luciano Bologna, Fabrizio Colcerasa e Stefania Renzulli. Il libro, un’analisi di tutto ciò che riguarda “storia, architettura e norme dei modelli penitenziari”, aiuta a riflettere sulla Giustizia e sull’Uomo, riproponendo quel principio che la società teorica ha impiegato secoli a elaborare (“Per una giustizia giusta è necessario che la certezza della pena sia unita a quella del suo fine, volto al recupero e reinserimento del condannato”) ma che la società reale traduce ancora - a meno che non si tratti di imputati dal colletto bianco - nel desiderio di prenderli e, come si dice, buttare la chiave.
Dal Carcere Mamertino, in cui furono rinchiusi e talora giustiziati migliaia di prigionieri da Vercingentorige a San Pietro, fino ai penitenziari - modello di Butner (North Carolina) o Halden (Norvegia), immersi nel verde e con foresterie per parenti in visita, gli autori raccontano un lungo viaggio che attraversa l’Inquisizione e Beccaria, i Piombi di Venezia e San Vittore, il codice fascista del ‘31 (“La pena deve essere mezzo di repressione, espiazione, emenda, prevenzione generale”) e l’attuale legge Gozzini tanto all’avanguardia quanto tremendamente sotto applicata. Il tutto per ricordare, lungi da qualsiasi sequela buonista, ad esempio il semplice dato per cui il 70% dei detenuti che scontano una pena in una galera “normale” torna a delinquere una volta fuori, mentre la recidiva si riduce al 18 (diciotto) per cento quando si applicano pene alternative. Il che significa, rilevano gli autori, che il “criterio di sicurezza” dovrebbe essere determinato da qualche considerazione un po’ più ampia che non il tempo necessario a segare una sbarra. Eppure in Italia, nonostante gli indulti, il popolo dei galeotti è quasi triplicato in vent’anni, dai 26mila del 1991 ai 70mila di oggi: c’è ancora molta strada da fare.
Se poi qualcuno pensasse che magari è facile far tanti bei discorsi sui diritti e sulla dignità dei detenuti quando la vittima del reato non sei tu, forse può bastare rinviarlo alle ultime righe della nota iniziale in cui - senza enfasi, quasi in un post scriptum - proprio De Rossi si sofferma a ricordare “con commozione” sua sorella Giovanna: una “anziana signora trucidata nella sua casa nel dicembre 2009 da mano ancora ignota”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget