L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





domenica 2 ottobre 2011

Giustizia: il ministro Nitto Palma; un’amnistia mi sembra del tutto irrealizzabile



Adnkronos, 2 ottobre 2011

Il ministro della Giustizia durante la visita al carcere minorile di Nisida: “Non mi pare che vi sia un accordo politico”. Poi ha aggiunto: “Abbiamo un grave problema di sovraffollamento , è giunto il momento di intervenire”. Napolitano: “Prigioni così affollate non sono degne di essere umani, sono una vergogna per il Paese”. Sull’ipotesi amnistia: “Non so se si creeranno le condizioni”.
“Non mi pare che vi sia un accordo politico” sull’amnistia, “e il dibattito al Senato ha chiarito questo punto in termini molto evidenti”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma, visitando ieri il carcere minorile di Nisida. “Immaginare, a fronte di una maggioranza dei due terzi prevista dalla Costituzione, che si possa procedere a un’amnistia mi sembra un cosa del tutto irrealizzabile”, ha spiegato.
“Abbiamo un grave problema di sovraffollamento carcerario”, ha sottolineato il Guardasigilli. “È in corso il dibattito al Senato, molto sereno e per certi versi anche molto condiviso e sono emerse tante possibilità che sono state oggetto di alcune risoluzioni della maggioranza e anche dell’opposizione - ha continuato. Credo che sia giunto il momento di intervenire con misure che non possono avere carattere definitivo ma che siano utili comunque per alleggerire la forte presenza nelle carceri”.
In visita al carcere minorile di Nisida ieri anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che, parlando con i detenuti, ha dichiarato: “Carceri così affollate non sono degne di essere umani, sono una vergogna per il Paese”. “Con Nitto Palma la prima cosa di cui ho parlato è stata questa, e abbiamo messo a fuoco alcune cose che si possono fare. Dobbiamo fare passi sostanziali per un miglioramento radicale della situazione”, ha aggiunto Napolitano.
“Ogni tanto si parla di un’amnistia, dal ‘45 ce ne sono state 24, non so se si creeranno le condizioni”, ha poi dichiarato il presidente della Repubblica. “Serve un accordo tra forze politiche in Parlamento e ora mi pare ci sia più disaccordo. Non si deve affidare solo all’amnistia la soluzione o l’alleggerimento delle carceri affollate”, ha concluso.

In settimana misure contro il sovraffollamento

“Il capo dello Stato può esser sicuro del mio impegno e di quello del governo per superare la drammatica situazione delle carceri nel più breve tempo possibile”. Lo ha assicurato il ministro della Giustizia, Francesco Nitto Palma, nella breve introduzione all’incontro tra i ragazzi della comunità del carcere minorile di Nisida con il capo dello Stato Giorgio Napolitano. Il Guardasigilli ha quindi aggiunto: “Ci auguriamo di poter intervenire sin dalla prossima settimana”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget