L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 9 giugno 2011

GIUSTIZIA: PENALISTI A NAPOLITANO, RIFORMA URGENTE STALLO E' ESIZIALE

GIUSTIZIA: PENALISTI A NAPOLITANO, RIFORMA URGENTE STALLO E' ESIZIALE =
DELEGAZIONE UCPI AL QUIRINALE, SCIOPERO FAME PER PROTESTA CONTRO CONDIZIONE CARCERI


Roma, 9 giu. (Adnkronos) - Una delegazione dell'Unione delle camere penali guidata dal presidente Valerio Spigarelli e' stata ricevuta oggi dal capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Nel corso dell'incontro, comunica una nota dell'Ucpi, i rappresentanti dei penalisti italiani hanno manifestato al presidente della Repubblica l'urgenza di una riforma costituzionale della giustizia che attraverso la separazione delle carriere garantisca ed esalti, nell'interesse dei cittadini, la terzieta' dei giudici salvaguardando la reale autonomia dei pubblici ministeri.

I penalisti, guardando con preoccupazione al rischio che la riforma possa rallentare il suo cammino finendo in uno "stallo esiziale", hanno espresso l'augurio che la discussione parlamentare possa essere "serena, ampia, senza veti, conservatorismi e pregiudizi", e in tal senso hanno ringraziato il capo dello Stato per i suoi puntuali richiami al confronto serio e pacato. Il presidente della Repubblica ha ringraziato gli avvocati per l'ampia esposizione delle questioni e ha invitato l'Unione delle camere penali a proseguire nell'impegno e nella riflessione culturale e giuridica sui temi piu' rilevanti del sistema giustizia.

Gli avvocati dell'Unione delle camere penali hanno infine ricordato al presidente Napolitano che dal primo giugno, aderendo all'iniziativa di Marco Pannella, sono in sciopero della fame 'per protestare contro la drammatica situazione in cui versano le carceri italiane'. Un digiuno simbolico che sta proseguendo a staffetta coinvolgendo tutti i componenti della giunta dell'Ucpi e numerosi iscritti alle Camere penali territoriali.

(Sin/Ct/Adnkronos) 09-GIU-11 13:30

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget