L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 25 giugno 2011

CARCERI: CEI, SONO INVIVIBILI AMNISTIA CONTRO SOVRAFFOLLAMENTO

(AGI) - Roma, 25 giu. - L'amnistia e' "il primo strumento contro il sovraffollamento delle carceri. Un provvedimento che mi vedrebbe d'accordo, ma va studiato bene". Lo dichiara all'AGI monsignor Giancarlo Maria Bregantini, arcivescovo metropolita di Campobasso-Bojano ma che qui parla nella veste di presidente della commissione Cei per i problemi sociali, lavoro, giustizia e pace. Raggiunto nella sua casa di Denno, in Trentino, dove si trova in questi giorni per la morte dell'anziana madre, monsignor Bregantini sottolinea che "la vita nelle carceri e' invivibile. Io sono stato anche cappellano nelle carceri e so bene che situazione c'e'".
L'arcivescovo pensa che si potrebbe pensare a "forme alternative", come impiegare i condannati in lavori piu' utili alla realta' sociale, per il bene redentivo e non in una logica di semplice afflizione". (AGI) Vic 251709 GIU 11

2 commenti:

robbye ha detto...

io vivo la situazione dagli arrasti domiciliri,a solo perchè ho avuto la fortuna di potermi permettere un'appartamento e mantenermi ,non esiste nessun aiuto sociale concreto,che pure tante migliaia di persone potrebbe mandare in forme alternative di detenzione.un amnistia certo e poi usare gli anni che occorrono a che la situazione diventi di nuono emegenza usare i mezzi riparmiati e il tempo per creare quesste strutture
roberto

alessia ha detto...

Io mi vergogno di essere italiana il mio ex marito e' detenuto nel carcere di monza da 45 giorni per bancarotta non e' un criminaledorme per terra e l'igene e un lusso ! Io sono a casa da sola malata di cancro in terapia con 2 bambine ogni volta che si va a trovarlo mi racconta cosa succede !!! E una cosa vergognosa il sovraffollamento date arresti domiciliari piuttosto per i reati minori la maggior parte dei detenuti poi sono extracomunitari io me ne andrei da questa vergognosa italia tratta le persone come bestie dentro le celle !

Si è verificato un errore nel gadget