L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





domenica 17 aprile 2011

Gran Bretagna: il ministro della Giustizia dichiara “le prigioni sono uno spreco di denaro”

Ansa, 17 aprile 2011

I detenuti e le carceri costano troppo alle tasche dello stato, anzi sono un vero e proprio “spreco di soldi”. Lo sostiene Kenneth Clarke, ministro della giustizia britannico, secondo il quale il numero di condanne a pene detentive è “insostenibile da un punto di vista finanziario”. Questo naturalmente non vuol dire, spiega il guardasigilli in un’intervista al Times, che bisogna essere “tolleranti con i criminali”. Piuttosto, le pene sono spesso troppo lievi e il ministro le inasprirebbe volentieri obbligando i detenuti a otto ore al giorno di lavoro gratuito.
“Vorrei che le carceri risultassero più punitive, efficaci e organizzate. I condannati dovrebbero lavorare gratuitamente in un ambiente pulito e in modo disciplinato piuttosto che ciondolare senza fare nulla in luoghi trascurati”. Clark dovrebbe varare la prossima settimana un disegno di legge volto da un lato a ridurre il numero dei criminali rinchiusi nelle prigioni e dall’altro a reprimere in modo estremamente severo i recidivi. Nelle sue proposte sono previsti sconti di pena sostanziosi per gli incensurati, limiti alle condanne a pene detentive, invio delle persone con problemi mentali in strutture diverse dalle carceri. Nei piani del governo conservatore, la popolazione carceraria dovrebbe diminuire entro il 2015 di 3.500 unità. Attualmente nelle prigioni britanniche vi sono 85.361 persone. Il risparmio annuale sarebbe di 3,7 miliardi di sterline.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget