L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 31 marzo 2011

Livorno: caso Lonzi; la madre farà ricorso alla Corte dei diritti umani di Strasburgo

Ansa, 31 marzo 2011

Finirà davanti alla Corte dei diritti dell’uomo la vicenda di Marcello Lonzi, il detenuto morto nel carcere di Livorno nel 2003. Sul decesso del giovane livornese si è pronunciata oggi la Corte di Cassazione respingendo il ricorso presentato dai legali della madre di Lonzi, Maria Ciuffi, per annullare l’archiviazione disposta dal gip di Livorno nel maggio scorso.
Durante la prossima settimana Ciuffi incontrerà il suo avvocato, il livornese Matteo Dinelli, per definire l’azione legale da portare ai giudici di Strasburgo. “Non mi aspettavo questa decisione della Cassazione - ha spiegato Maria Ciuffi. Credevo fosse un problema del tribunale di Livorno, ma ormai ho capito che non esiste la giustizia in Italia”. Prima della sentenza di oggi della Cassazione sul caso Lonzi la magistratura livornese aveva condotto due inchieste terminate entrambe con l’archiviazione.

1 commento:

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

CONDIVIDO IN PIENO QUESTA INIZIATIVA. NELLE CARCERI OGGI ALLIGNA LA VIOLENZA NON CONTRASTATA DA NESSUNO. E' TEMPO DI REAGIRE!

Si è verificato un errore nel gadget