L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 5 febbraio 2011

Liguria, nelle carceri il 54% dei detenuti è straniero



Liguria. Il 54% dei detenuti liguri è di origine straniera. 859 su 1.583 rinchiuse nelle carceri liguri. E’ quanto è emerso dal VI Rapporto regionale sull’Immigrazione. Dei 751 detenuti ammessi nel 2009 all’esecuzione penale esterna a Genova, Savona e Imperia, solo 153 sono stati immigrati, il 20.4%. I detenuti stranieri accedono meno alle misure alternative per mancanza di requisiti come l’abitazione, la reperibilità certa, un lavoro stabile.
Altro dato del rapporto: gli stranieri finiscono più spesso in carcere prima di essere condannati in via definitiva; il 68% va subito dietro le sbarre contro il 43% degli italiani. Il 36% dei reati denunciati in Liguria nel 2009 è attribuibile ad autore noto di cittadinanza straniera, il 64% a italiani. Il Marocco è l’area di provenienza maggioritaria dei carcerati liguri, il 20%, a seguire Romania 13%, Ecuador 9%, Senegal 9%, Albania 8%, Tunisia 6%, Algeria 4% e Cina 2%. Sono soprattutto i reati contro il patrimonio che determinano la forte incidenza della popolazione straniera nelle strutture penitenziarie liguri.

1 commento:

Luigi Morsello ha detto...

ORMAI E' LA REGOLA. MA C'E' QUALCUNO CHE LEGGE I COMMENTI? A ME SEMBRA DI NO.

Si è verificato un errore nel gadget