L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 8 febbraio 2011

Giustizia: Bernardini; io sottosegretario con delega alle carceri? stiamo parlando di fantascienza

Ansa, 8 febbraio 2011

“Solamente un inizio di dialogo”. Così la deputata radicale Rita Bernardini definisce i contatti del suo partito con il governo Berlusconi. Pannella ministro? “In questo momento non è nelle cose”.

“Non è che le cose siano andate avanti - aggiunge. Anzi, se la riforma della Giustizia è il processo breve, come appare in queste ore, siamo ben lontani dalle nostre proposte (contenute in due mozioni e una risoluzione approvate in Aula) sulle carceri e su una riforma organica della Giustizia che manca almeno dal referendum Tortora del 1987, mentre continua l’amnistia strisciante dei due milioni di processi non celebrati negli ultimi dieci anni”.
Bernardini, che ha incontrato con Marco Pannella il ministro della Giustizia Angelino Alfano (“ma non Berlusconi, con lui parla solo Pannella”), sottolinea che “non è una questione di poltrone, come dimostra la storia personale di Pannella, uno che di certo con la politica non si è arricchito”.
Il leader radicale ministro della Giustizia del governo Berlusconi? “Certo, lo vedrei benissimo. Ma in questo momento non è nelle cose”. E Bernardini sottosegretario con delega alle carceri? “Evidentemente stiamo parlando di fantascienza”, taglia corto la diretta interessata.
Infine, una stoccata all’opposizione: “Noi radicali finora siamo stati coerenti nel voto in Aula, a differenza dei tanti chiacchieroni che poi perdono pezzi”. I radicali, sottolinea Bernardini, “stanno cercando di richiamare all’ordine le istituzioni italiane” e hanno aperto “un dialogo con tutti”. “Ma al momento - conclude - dal centrosinistra non abbiamo trovato disponibilità all’ascolto”.

1 commento:

Luigi Morsello ha detto...

ECCO APPUNTO! MA IO DIREI DI UN FIL HORROR!

Si è verificato un errore nel gadget