L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





mercoledì 16 febbraio 2011

Cagliari: detenuto abbandonato da tutti, disperato ingoia 7 pile e altri vari oggetti di metallo

Agi, 16 febbraio 2011

È stato salvato dagli agenti di polizia penitenziaria e dai medici un detenuto marocchino di 38 anni del carcere di Buoncammino Cagliari, che, per disperazione, ha ingoiato sette pile e oggetti di metallo, mentre era rinchiuso nel centro diagnostico terapeutico. A riferire l’episodio, avvenuto un mese fa, è Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione “Socialismo Diritti Riforme” che ha incontrato il detenuto, sottolineando “la condizione di particolare solitudine in cui vive la maggior parte dei cittadini stranieri extracomunitari dentro le strutture detentive”.
“La disperazione espressa drammaticamente dal detenuto marocchino - sottolinea Caligaris - nasce da una somma di incongruenze di un sistema penitenziario che non solo non rieduca ma allontanando le persone dalle poche relazioni umane e sociali costruite arrivando in Italia, ne annulla ogni possibilità di reinserimento sociale. La territorialità della pena è un principio che deve essere rispettato anche per gli extracomunitari radicati in aree territoriali della Nazione.
Nel caso specifico il detenuto, arrestato a Milano, pur in possesso del permesso di soggiorno, non ha una casa né un amico o un parente che possa ospitarlo. A. K. non ha potuto mantenere i rapporti con i conterranei che vivono nel Milanese anche perché privo di mezzi economici”.
“Gli è in pratica preclusa la possibilità di lavorare - spiega la presidente di SdR - perché ha necessità da un anno di un intervento chirurgico a un ginocchio ma la sua richiesta giace in una cartella di ospedale in attesa che si liberi qualche posto per un ricovero. L’uso delle stampelle condiziona fortemente la sua possibilità di movimento, costringendolo a non uscire mai dalla cella, senza contare le fistole che lo torturano costantemente. In queste condizioni e senza alcuna prospettiva la depressione diviene uno stato cronico e la tendenza ad atti autolesionistici una prassi al punto che non c’è parte del suo corpo senza segni evidenti di lacerazioni”.
“Il caso del giovane marocchino - conclude Caligaris - è anche emblematico del fallimento del decreto “svuota carceri”. Pur dovendo scontare una pena residua di 10 mesi e quindi poter avere accesso ai domiciliari, l’uomo non può fruirne perché, al pari di alcune centinaia di reclusi sardi, italiani e stranieri, non ha una casa, non ha un reddito, non è in grado di bastare a se stesso”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget