L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





lunedì 19 luglio 2010

Se 1.700 vi sembran pochi…in 10 anni i "morti di carcere" sono stati 1.702, di cui 593 per suicidio

OSSERVATORIO PERMANENTE SULLE MORTI IN CARCERE

Radicali Italiani, Associazione “Il Detenuto Ignoto”, Associazione “Antigone” Associazione A “Buon Diritto”, Redazione “Radiocarcere”, Redazione “Ristretti Orizzonti”

Se 1.700 vi sembran pochi…in 10 anni i "morti di carcere" sono stati 1.702, di cui 593 per suicidio. Nell'ultimo fine settimana altre 3 persone sono "morte di carcere": due si sono impiccate, la terza è stata ritrovata senza vita in cella e le cause del decesso sono ancora da accertare. Con questi ultimi 3 casi salgono a 104 i detenuti morti da inizio anno: 32 si sono impiccati, 7 sono morti per avere inalato del gas (5 di loro si sono suicidati, per gli altri 2 probabilmente si è trattato di un "incidente" nel tentativo di sballarsi), mentre 65 detenuti sono morti per malattia, o per cause ancora da accertare. In 10 anni i "morti di carcere" sono stati 1.702, di cui 593 per suicidio. Sabato 17 luglio - Casa di Reclusione "Due Palazzi" di Padova Sabi Tauzi, detenuto marocchino di 39 anni, viene ritrovato cadavere in cella. Ex tossicodipendente, era in carcere per droga e avrebbe finito di scontare la pena nel 2014. Il medico legale ha dichiarato che la morte è sopraggiunta per "cause naturali", ma comunque è stata disposta l'autopsia. Le Associazioni di volontariato e la Fp-Cgil Penitenziari avevano segnalato da tempo le condizioni pesantissime del sovraffollamento, aggravate dal caldo torrido, chiedendo di intervenire con misure per alleviare il disagio insopportabile: sabato in città il termometro segnava 38 gradi e nelle celle del "Due Palazzi" la temperatura arrivava a 40 gradi. Fonti istituzionali dichiarano invece che la temperatura nelle celle era "assolutamente accettabile" e che Tauzi divideva la cella (progettata per 1 persona) "con un solo altro detenuto". Comunque finalmente i blindi sono stati aperti anche la notte e pare che verrà autorizzato l'acquisto di piccoli ventilatori. Nella Casa di Reclusione di Padova dall'inizio dell'anno sono morti già 4 detenuti; prima della morte di Sabi Tauzi, infatti, sono avvenuti 3 suicidi: Santino Mantice, 25 anni, si è impiccato il 30 giugno scorso; Giuseppe Sorrentino, 35enne, si è ucciso il 7 marzo e Walid Aloui, 28 anni, il 23 febbraio. Domenica 18 luglio - Casa Circondariale "San Sebastiano" di Sassari Italo Saba, 53 anni, si impicca con i lacci delle scarpe nella sua cella del carcere di Sassari, dove era detenuto da una settimana. L'uomo è stato soccorso dagli agenti, che lo hanno staccato da quel cappio improvvisato, ed è stato portato in fin di vita all'ospedale, dove dopo circa un'ora è morto. Intorno alle 17 di ieri nella cella di San Sebastiano c'è stato un sopralluogo degli inquirenti. Presente anche il sostituto procuratore Maria Grazia Genoese. Sul cadavere nei prossimi giorni sarà effettuata l'autopsia. Domenica 18 luglio - Casa Circondariale "Malaspina" di Caltanissetta Rocco Manfrè, 65 anni, muore suicida nella notte. Si sarebbe strozzato stringendosi al collo il laccio in plastica della borsa termica che i detenuti possono tenere in cella. L'allarme è stato dato dal compagno di cella e, malgrado il tempestivo intervento dei sanitari e l'immediato ricovero presso il vicino ospedale, per Rocco Manfrè non c'è stato nulla da fare. L'uomo stato arrestato solo due giorni prima, accusato di un omicidio avvenuto 18 anni fa: vittima Agostino Reina, un operaio di 32 anni sparito da Gela e il cui corpo venne ritrovato semicarbonizzato solo alcuni mesi dopo la sua scomparsa.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget