L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





lunedì 26 luglio 2010

Lettere: il “canile” dell’Ucciardone... e l’ennesimo suicidio in carcere


di Adriano Sofri


Il Foglio, 26 luglio 2010

Sul sito di Repubblica ieri c’era il resoconto di una visita ispettiva di parlamentari radicali e volontari di Ristrrtti Orizzonti e del Garante dei detenuti all’Ucciardone. La visita aveva preso le mosse dalla lettera di un detenuto a Riccardo Arena: “Cara Radiocarcere, sono un detenuto dell’Ucciardone e quando sono entrato qui dentro sono stato nel canile”. Ovvero una gabbietta, larga un metro e alta due, dove stai chiuso in piedi per ore, qualcuno anche per giorni, io ci sono stato 10 ore. È stato terribile. Vomitavo, facevo i bisogni e piangevo.
Ma nessuno è venuto a vedere come stavo... Dopo il canile mi hanno portato in uno stanzone pieno zeppo di detenuti. Lì c’era gente malata di mente, stranieri, tossicodipendenti in crisi d’astinenza, malati d’Aids. Dopo circa un mese mi hanno portato in quella che sarebbe diventata la mia cella e mi son detto: il peggio è passato! E invece mi sbagliavo, l’inferno vero all’Ucciardone iniziava lì”. I visitatori hanno trovato il canile e le gabbie.
“Il giorno dell’ispezione dentro c’era un ragazzo - ha detto Rita Bernardini - ma quando ho fatto per chiedergli da quanto tempo fosse lì dentro, di fatto mi è stato impedito”. Ecco, sempre ieri, i giornali davano brevissima notizia del suicidio del provveditore calabrese alle carceri, in vacanza a Tropea, era indagato per “abuso d’ufficio e minacce a un direttore di carcere”, si proclamava innocente: aveva il porto d’armi, si è sparato con la sua pistola. Ancora ieri, a Catania, si è ammazzato un detenuto di 39 anni - il nome non importa, solo il numero ordinale, era il trentottesimo: si è reciso la carotide con una lametta da barba. Chissà come se l’era procurata, una lametta da barba.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget