L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 27 luglio 2010

Giustizia: Uil-Pa; troppi agenti impiegati fuori dalle carceri, basta con nicchie di privilegio

Il Velino, 27 luglio 2010

“Lo avevamo detto e lo riaffermiamo anche dopo quest’ennesima evasione beffa: chiunque decida, quando e se vuole, può tranquillamente evadere dalle nostre prigioni. E non certo per imperizia della polizia penitenziaria. Evidentemente le nostre denunce sull’Amministrazione Penitenziaria insipiente e incapace trovano ragione proprio in questi eclatanti episodi, che minano l’ordine pubblico”.
A dichiararlo Eugenio Sarno, segretario generale Uil Pa Penitenziari. “A distanza di pochi giorni dalla doppia evasione di Lecco, altri due pericolosi malviventi sono scappati dal muro di cinta durante l’ora d’aria a Pisa. D’altro canto, come a Lecco, anche a Pisa il contingente di polizia penitenziaria è gravemente in sofferenza. Una sola unità, infatti, questa mattina era preposta alla sorveglianza di tre cortili di passeggio.
Oggettivamente impossibile, quindi, tenere sotto controllo circa centocinquanta detenuti. Laddove avrebbero dovuto operare tre agenti ne era presente uno solo. Questa è l’ordinarietà straordinaria che si registra in tutte le carceri. Appena qualche giorno fa abbiamo nuovamente invitato il capo del Dap a recuperare le tante, troppe unità di polizia penitenziaria impiegate in strutture extra penitenziarie. È ora di rompere queste nicchie di privilegio, è ora di mandare all’aria questo insostenibile sistema di raccomandazioni, alimentato anche dai sindacati amici - sottolinea.
Analogamente vogliamo sperare che il Ministro Alfano dimostri al Paese di avere nella sua agenda dei lavori anche la questione penitenziaria. Così come il Ministro Maroni forse, ora, comprenderà perché abbiamo sempre sostenuto che le carenze di organico e le criticità del sistema penitenziario fossero da ritenersi problemi direttamente connessi all’ordine pubblico. Adesso il Governo Berlusconi, in materia penitenziaria, fa segnare un altro record: dopo quello di presenze e di suicidi in carcere ora si segna anche il record di detenuti evasi. Ben dieci in questi sette mesi del 2010, cui si debbono aggiungere otto tentate evasioni sventate dal personale. E tutto ciò mentre il personale di polizia penitenziaria nelle carceri continua a diminuire per effetto di: quiescenze, collocamenti a risposo, impiego in strutture extra penitenziarie”.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget