L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 27 febbraio 2010

Giustizia: Ass.Detenuto Ignoto aderisce a manifestazione La legge è uguale per tutti


27 febbraio 2010

Dichiarazione di Irene Testa, Segretaria dell'Ass. Radicale il Detenuto Ignoto, candidata per la Lista Bonino-Pannella nelle elezioni regionali del Lazio

"La legge è uguale per tutti" dovrebbe esssere ancora più vero per i detenuti che oggi in Italia sono illegalmente ammassati nelle galere al di fuori di ogni costituzionalià, e per tutte quelle persone che hanno avuto un familiare che si è, o è stato, ucciso dentro un carcere, che da anni attendono giustizia.
Il Premier e il suo Ministro della Giustizia, invece, sono dall'inizio del mandato impegnati esclusivamente a congegnare ogni sorta di disposto per allontanare e rendere vana qualsiasi azione di giustizia nei confronti dell'establishment e degli amici: si va dall'abbreviazione delle prescrizioni, al divieto di intercettazioni, ai lodi Alfano, ai legittimi impedimenti, e chissà cos'altro.
Ma, da tale fervida immaginazione a senso unico, poco più che un inappropriato e tuttora inattuato "piano carceri", una pilatesca dichiarazione di "stato d'emergenza", alcune facilitazioni nell'accesso alle misure alternative - strappate, peraltro, "coi denti" di un lungo sciopero della fame da parte di Rita Bernardini -, sono stati capaci di mettere in campo per far fronte all'annosa vera e propria strage di legalità che si consuma ogni giorno più rovinosamente nelle nostre carceri.
Questi i motivi che spingono l'Associazione il Detenuto Ignoto a prendere parte oggi alla manifestazione indetta dal "popolo viola".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget