L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





mercoledì 2 dicembre 2009

Caso Cucchi. Poretti e Testa: Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali-Pd e di Irene Testa Dirigente Rdaicale e Segretaria Associazione Il Detenuto Ignoto *


E' stata modificata la disposizione che impedisce ai familiari di incontrare, senza autorizzazione del magistrato, i medici che in ospedale hanno in cura un proprio congiunto quando lo stesso e' detenuto-paziente. Per farlo c'e' voluto un morto -Stefano Cucchi- e un caso finito su tutte le cronache dei media. Un provvedimento che non aveva senso da un punto di vista della sicurezza, mentre da quello sanitario non permetteva al medico di acquisire dai familiari informazioni utili sul paziente. Un provvedimento che da un punto di vista umanitario lasciava molto a desiderare abbandonando i familiari all'arbitrarietà' della decisione di medici e agenti penitenziari di turno. Da quanto si apprende anche dalla stampa, i medici solitamente non rifiutano i colloqui con i parenti, ma nel caso Cucchi l'applicazione rigorosa del regolamento ha suscitato quelle critiche che hanno poi portato alla modifica, così come si apprende dal documento reso pubblico oggi con l'ordine di servizio del dr. Carmelo Cantone.
C'e' voluto un morto per modificare un regolamento che tutti dichiaravano sbagliato tanto da disattenderlo!

* Irene Testa e' al quattordicesimo giorno di sciopero della fame per chiedere che il Parlamento calendarizzi la mozione sulle carceri dei deputati Radicali, mozione sottoscritta anche da 81 parlamentari di diversi schieramenti.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget