L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





martedì 10 novembre 2009

Cucchi, Testa: Giovanardi cardine del sistema criminale e criminogeno del proibizionismo di Stato

Dichiarazione di Irene Testa, Segretario dell'Associazione Radicale Il Detenuto Ignoto:

Il sottosegretario Carlo Giovanardi, con le sue osservazioni di oggi e della settimana scorsa sulla morte di Stefano Cucchi, rivela sempre più, se mai ce ne fosse bisogno, di essere cardine funzionale al sistema, sicuramente ipocrita e "bene", criminale e criminogeno del proibizionismo di Stato, che ingrassa floridamente vecchie e nuove borghesie mafiose, creando mostri tra i più deboli della società, devastandone le esistenze, rinchiudendoli in galere sempre più infernali, fin quanto, anche, determinandone la morte.
Di lui, che pare mosso invero anche dal presenzialismo vanesio e dal sensazionalismo di posizioni solo in apparenza scomode, non si ricordano certo dichiarazioni, né, tanto meno, strali sugli scandali legati alla frequentazione dei potenti (che in galera o non ci finiscono, o quando ci finiscono vengono trattati di certo con altro riguardo) agli ambienti più alti della borsa nera dello stupefacente. Ora, piuttosto che cogliere l'ultima onda di un perbenismo ad alta rendita mediatica, in una insulsa e vana ricerca nelle onorevoli parrucche dei Parlamentari che stanno al gioco, vada invece a spiegare agli ascoltatori quanto ha prodotto e produce il suo impegno di tutta una carriera politica "contro la droga": solo tanta della più deleteria, trita e fuorviante demagogia in materia, molto peggio che niente in termini di riduzione del fenomeno e contrasto alle cupole della criminalità che ne approfittano.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget