L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





mercoledì 12 agosto 2009

Ferragosto in carcere


Pubblichiamo di seguito la lettera che Rita Bernardini deputata dei Radicali/PD e Antonella Casu Segretaria Nazionale di Radicali Italiani, hanno inviato ai direttori degli Istituti Penitenziari italiani per annunciare il “Ferragosto in carcere” che si svolgerà nelle giornate del 14, 15 e 16 agosto e che vedrà impegnati parlamentari italiani ed europei di tutti gli schieramenti politici, consiglieri regionali e Garanti per i diritti dei detenuti nella più massiccia visita ispettiva mai fatta alla “comunità penitenziaria”.


Lettera indirizzata a tutti i direttori degli Istituti Penitenziari italiani


Gentile Direttore,

Le scriviamo per informarla che nei giorni 14, 15 e 16 agosto deputati, senatori e consiglieri regionali di tutti gli schieramenti politici assieme ai garanti per i diritti delle persone private della libertà si uniranno alla “comunità penitenziaria” per una ricognizione approfondita della difficilissima situazione delle carceri italiane.Con visite effettuate secondo l’art. Art 67 dell’Ordinamento Penitenziario (Legge n. 354/75), saremo presenti nel maggior numero di istituti penitenziari italiani per conoscere meglio e direttamente come vivono la realtà quotidiana direttori, agenti, medici, psicologi, educatori e detenuti per essere così più capaci di interpretare i bisogni e di proporre le soluzioni legislative e organizzative adeguate, sia immediate che a medio e lungo termine. Si tratta – crediamo – della più consistente visita di sindacato ispettivo mai realizzata in Italia, visita che avviene nel momento in cui nelle carceri c’è da una parte il numero massimo di detenuti dal dopoguerra (63.567, a fronte di una capienza regolamentare di 43.327) e dall’altra una carenza spaventosa di personale e risorse ridottissime persino per l’ordinaria amministrazione. E’ evidente a tutti che in questa situazione difficilmente gli istituti penitenziari possono essere il luogo ove sia possibile realizzare a pieno i valori sanciti dall’art. 27 della Costituzione Italiana secondo il quale le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Così come altrettanto evidente è che i lavoratori che prestano la loro attività ad ogni livello negli istituti carcerari, raramente vedono affermarsi condizioni di lavoro moralmente, socialmente ed economicamente adeguate ai profili professionali ricoperti, che diano il giusto riconoscimento ai compiti di esemplare responsabilità espletati e che consentano di dare completa attuazione ai risultati delle rivendicazioni e delle conquiste, purtroppo oggi ancora in larga parte disattese. Con questo spirito i capigruppo di tutte le forze politiche della Commissione Giustizia della Camera dei deputati il 20 luglio scorso hanno inviato, assieme al Direttore di Radio Radicale Massimo Bordin, una lettera/invito a tutti i parlamentari chiedendo loro di rendersi disponibili a visitare le carceri nelle giornate del 14, 15 e 16 agosto. La risposta è stata per certi versi incoraggiante se pensiamo lo stretto margine per la risposta e il periodo di vacanze per molti già fissato e prenotato da tempo.Mentre Le scriviamo hanno deciso di partecipare a questa impresa comune 88 parlamentari (fra deputati, senatori ed europarlamentari) 36 consiglieri regionali e 4 garanti per i diritti delle persone private della libertà. Queste 138 personalità consentiranno, nei tre giorni, di visitare 153 carceri, ma proprio in queste ore stiamo tentando di coprire tutti i 223 istituti penitenziari italiani. L’iniziativa è stata incoraggiata anche da sindacalisti della Polizia Penitenziaria come i Segretari Nazionali della UILPA Penitenziari e del SAPPE, Dott. Eugenio Sarno e Prof. Donato Capece, da esponenti dell’Unione Camere Penali come la Dott.ssa Ludovica Giorgi, dal Presidente e dal Segretario del Comitato Radicale per la Giustizia Piero Calamandrei, Avv. Gian Domenico Caiazza e Avv. Giuseppe Rossodivita, dal Presidente di Antigone Patrizio Gonnella, dalla Segretaria del Detenuto Ignoto Irene Testa, dal Segretario di Nessuno Tocchi Caino Sergio D’Elia.Sul sito http://www.radicali.it/italia_carceri.php, gentile Direttore, troverà Regione per Regione il punto della situazione aggiornato in tempo reale.


Gradisca, Signor Direttore, i nostri più cordiali saluti


Rita Bernardini Antonella Casu

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget