L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 18 luglio 2009

Giustizia: Alfano; contro il sovraffollamento, un piano europeo

Ansa, 18 luglio 2009

Per arginare il sovraffollamento delle carceri e migliorare le condizioni dei detenuti serve "un piano europeo". Così il Guardasigilli, Angelino Alfano, in occasione della riunione dei ministri della Giustizia dei Paesi dell’Ue. Il tema delle carceri e del loro miglioramento, ha detto Alfano "va affrontato sotto un triplice profilo: quello del trasferimento dei detenuti europei nei Paesi d’origine; quello dei detenuti provenienti da Paesi extra-europei, che generano, in alcuni Stati membri, situazioni di eccezionale sovraffollamento carcerario; quello, infine, dell’elaborazione di un piano europeo per le carceri, anche tramite l’uso di fondi dell’Unione". Per il ministro italiano "oltre a migliorare le condizioni delle carceri europee, un tale approccio consentirà di rafforzare le basi dello spazio comune europeo di giustizia, libertà e sicurezza".
Della proposta italiana, Alfano ha informato il vicepresidente della commissione Jacques Barrot e il neo-eletto presidente della commissione Giustizia del Parlamento europeo, l’ex ministro della Giustizia spagnolo Lopez Aguilar, ed ha discusso in un breve colloquio riservato con la presidente svedese, il ministro Ask. Nella sua replica finale, il vicepresidente Barrot ha notato "che occorrerà far passi avanti sulla questione delle carceri, considerando che la detenzione costituisce sovente l’epilogo del processo penale ed è un tema che non è possibile ignorare in sede di cooperazione giudiziaria europea".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget