L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 12 febbraio 2009

Giustizia: le vittime, Sofri, i collaboratori... e la sentenza Pinelli

La Repubblica, 12 febbraio 2009


Tre osservazioni riguardo all’articolo di Adriano Sofri (5 febbraio 2009), che ci è parso sgradevole nel tono e privo di consequenzialità nelle argomentazioni.

1) "È la morale dei bambini cui si insegna a non fare la spia, o del pescatore di De André". Meno di un mese fa abbiamo ricordato con emozione la scomparsa di De André. Il Pescatore è un testo bellissimo in cui l’artista lascia un’apertura, un’ambiguità finale, dopo l’arrivo dei gendarmi: il pescatore assopito è ancora vivo? Parla o tacerà? Il cuore del testo è l’immagine di un uomo quasi figura del cristo, che spezza il pane e dà conforto persino agli assassini. Un inno all’amore per il prossimo, non all’omertà.

2) "Preferirei perdere la mia libertà e la stessa vita pur di non mandare in galera qualcuno". Non è così facile per un privato cittadino misurare la "minaccia attuale" rappresentata da qualcuno. Vorremmo ricordare che senza il contributo fondamentale e purtroppo tardivo di alcuni collaboratori di giustizia, magistrati tenaci non avrebbero mai potuto istruire i più recenti processi per la strage di Piazza Fontana (che ha dato importanti contributi alla verità) né quello ancora in corso per la strage di piazza della Loggia. Se qualche persona in più, oltre a Rossa, prima e dopo di lui, avesse avuto il coraggio di denunciare quel che sapeva, tanti uomini oggi sarebbero vivi.

3) La morte di Pinelli, trattenuto, innocente, in Questura oltre lo scadere del fermo di Polizia, è ben presente a tanti cittadini; è doveroso ricordarla e renderle omaggio, ma il linguaggio confuso dell’invettiva e delle contrapposizioni non è quello appropriato. È stata oggetto di indagini lunghe e ripetute, e le sentenze sono pubbliche. Non è nel libro pubblicato dalla Presidenza della Repubblica perché non è un atto di terrorismo (chi afferma il contrario è pregato di esplicitare la propria definizione del fenomeno). Il che non toglie il fatto che sia una vicenda tragicamente collegata a piazza Fontana e una ferita per tutto lo Stato democratico.


Francesca Dendena, Silvia Giralucci

Manlio Milani, Benedetta Tobagi

Ho lealmente espresso la mia personale ripugnanza per la delazione, quando non sia tesa a impedire un male fatto ad altri. Ne abbiamo appena avuto un odioso esempio nel voto che autorizza (e di fatto istiga) i medici a denunciare i malati senza carte in regola. Voi mi offendete chiamandola omertà, che mi ripugna quanto a voi. Non so se il pescatore con la sua specie di sorriso sia ancora vivo: so che non parlerà. Ha dato pane e vino a un suo simile in fuga.

Nella citazione "preferirei perdere la mia libertà..." (l’ho perduta, del resto) avete omesso la riserva: "Salvo che si tratti di sventare una minaccia attuale contro altre persone, come seppe fare Guido Rossa". Questo toglie senso alla vostra conclusione: "tanti uomini oggi sarebbero vivi".

Infatti. La verità sulla strage di piazza Fontana era a disposizione fin da allora, se uomini e apparati dello Stato non l’avessero sequestrata. Ho detto che Pinelli non figura in quel libro della Presidenza, e non figura neanche in altri libri. Ho detto nel modo più netto che cosa sia per me terrorismo, e l’ho argomentato nel modo più esauriente nel libro. Vi chiederei di leggerlo. La sentenza finale su Pinelli è un oggetto precipuo del mio studio, che ne mostra l’assurdità. Per me, rispettare le sentenze vuol dire accettarne gli effetti, non certo giurare nella loro fondatezza. Non troverete presso di me alcun cedimento all’invettiva.

Infine: questo è uno scambio ineguale. Io non vi conosco, voi non conoscete me. Il mio cognome basta al vostro giudizio, o al vostro pregiudizio, a me ostile. I vostri cognomi bastano a un mio giudizio di forte simpatia e solidarietà. Se, insieme o singolarmente, privatamente o pubblicamente, voleste discutere con me di questo e di qualunque altro argomento, io ne sarei lieto.


Adriano Sofri

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget