L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 13 dicembre 2008

Giustizia: Bernardini (RI); il governo passi dalle parole ai fatti


Ansa, 13 dicembre 2008

 

"Come Radicali siamo assolutamente favorevoli ad una immediata riforma della giustizia che, anche tramite modifiche costituzionali, preveda tra i provvedimenti più urgenti una netta e rigida separazione delle carriere, una radicale modifica della struttura e della composizione del Csm, l’abolizione dell’obbligatorietà dell’azione penale e la modifica della legge sulla responsabilità civile dei magistrati": così la deputata Radicale-Pd, membro della Commissione Giustizia, Rita Bernardini, che chiede al governo di "passare dalle parole ai fatti".

Riteniamo, inoltre, non più procrastinabile - aggiunge - un serio intervento sul sistema carcerario attraverso misure di depenalizzazione e decarcerizzazione che migliorino la vivibilità e la funzionalità degli istituti di pena, senza dimenticare l’indulto accompagnato da amnistia: una proposta che da radicali rivendichiamo con forza in quanto l’unica in grado di far rientrare le carceri italiane nella legalità costituzionale. Il governo scelga di dare centralità alla sede parlamentare, consentendo un grande dibattito, dice Bernardini, che ricorda la mozione presentata dai Radicali con firme bipartisan.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget