L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 2 ottobre 2008

Giustizia, Bernardini: per una vera riforma del processo civile necessaria un'efficace riqualificazione del personale amministrativo...

Giustizia, Bernardini: per una vera riforma del processo civile necessaria un'efficace riqualificazione del personale amministrativo e una generale riorganizzazione delle risorse umane. Accolto come raccomandazione ODG dei Radicali


Roma, 2 ottobre 2008

• Dichiarazione di Rita Bernardini, deputata Radicale-PD, membro della Commissione Giustizia della Camera

La riforma del processo civile attualmente in discussione in Parlamento sconta un grave lacuna, in quanto non contempla alcun provvedimento finalizzato a migliorare la qualificazione professionale del personale amministrativo delle cancellerie giudiziarie. A giudizio di pressoché tutti gli operatori del settore, questa mancanza comporterà il probabile fallimento di gran parte delle disposizioni contenute nel progetto di legge governativo. Per questa ragione, oggi in Aula ho presentato un ordine del giorno, accolto come raccomandazione, con il quale - richiamando anche quanto stabilito dalla Commissione Europea nel suo "programma quadro" sulla giustizia civile - si sollecita il governo ad adottare le iniziative ritenute più opportune, affinché la riqualificazione sia attuata al più presto e divenga al contempo occasione di una profonda riorganizzazione e rigenerazione delle risorse umane oggi disponibili. Ci auguriamo che, per senso di responsabilità rispetto alla crisi della giustizia civile, il governo assuma i contenuti dell'ordine del giorno come un vero impegno al quale adempiere urgentemente.

SEGUE IL TESTO DELL'ORDINE DEL GIORNO

La Camera, premesso che:

l'organizzazione degli uffici e la riqualificazione del personale amministrativo sono profili essenziali e prioritari per il recupero di efficienza ed effettività della tutela giurisdizionale in ambito civilistico;

appare pertanto opportuno individuare le idonee soluzioni dell'annoso problema che affligge il personale amministrativo della giustizia civile in ragione della sua omessa riqualificazione, peraltro già definita da tempo in tutti gli altri settori dell'amministrazione dello Stato; in particolare, la strutturazione per profili professionali e posizioni economiche del personale giudiziario è stata pensati per altri tempi con una grande massa del vecchio personale d'ordine (gli operatori), una scarsa presenza del personale tecnico 8esperti informatici, analisti di organizzazione, contabili) ed un generale appiattimento verso il basso, non tenendo conto non solo delle nuove necessità tecnologiche, ma della fortissima necessità negli uffici di personale di elevata qualificazione che possa essere interfaccia del magistrato e relazionarsi con gli avvocati e gli utenti; l'approvazione del disegno di legge in esame vedrà, per l'ennesima volta, il personale delle cancellerie e segreterie giudiziarie far fronte ad una emergenza normativa senza alcun riconoscimento né giuridico né economico, ciò in aggiunta all'ordinaria attività lavorativa che è già difficilmente affrontabile con le carenze di organico e di mezzi propri dell'amministrazione giudiziaria,

impegna il Governo

ad adottare le opportune iniziative volte ad individuare, nell'ambito dei provvedimenti legislativi in materia (riforma del processo civile), le soluzioni adeguate per definire un'efficace riqualificazione per il personale amministrativo della giustizia civile oltre ad una profonda riorganizzazione e rigenerazione delle risorse umane oggi disponibili, il tutto in un'ottica di generale recupero di efficienza secondo quanto suggerisce nel suo "programma quadro" la Commissione Europea per l'efficacia della giustizia del Consiglio d'Europa.

9/1441-bis/5 Bernardini Mecacci Maurizio Turco Beltrandi.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget