L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 2 ottobre 2008

Assistenza sanitaria ai detenuti, Bernardini: parte male la riforma che assegna alle Regioni l'assistenza. Nel Lazio non erogati i fondi da parte del

Roma, 1 ottobre 2008

• Interrogazione parlamentare di Rita Bernardini, Deputata Radicale - Pd

Parte con il piede sbagliato la riforma nelle carceri che da oggi assegna alle Regioni l'assistenza sanitaria dei detenuti. Nella sola Regione Lazio non sono stati erogati i fondi previsti dalla riforma per un ammontare di 4 milioni di Euro, situazione questa che si aggiunge alla gravissima situazione di deficit finanziario. E nelle altre Regioni cosa succede?

Di seguito il testo dell'interrogazione parlamentare presentata oggi sulla vicenda da Rita Bernardini, deputato Radicale - Pd:

Per sapere - premesso che:

Nell'ambito della riforma carceraria, dal 1 ottobre 2008, è divenuta competenza delle Regioni l'assistenza sanitaria ai detenuti;

la Regione Lazio, che alla voce sanità si trova in una situazione finanziaria molto grave, la più indebitata d'Italia, dovrà occuparsi dell'assistenza sanitaria di circa cinquemila detenuti distribuiti nelle tredici carceri di sua competenza con un aggravio quindi della spesa e con il grave problema di macchinari, strutture e locali vecchi, inadeguati e non a norma;

secondo quanto riportato oggi, 1 ottobre 2008, dalla Cronaca di Roma del Corriere della Sera, in un articolo firmato da Clarida Salvatori, i fondi di oltre 4 milioni di euro, che il Ministero della Giustizia avrebbe dovuto versare il primo trimestre 2008 alla Regione Lazio, in vista della riforma entrata oggi in vigore, non sono stati stanziati; va precisato che tali fondi sono una voce distinta dai fondi sui quali il Governo è in procinto di intervenire per far fronte alla grave situazione debitoria della Regione Lazio;

in una precedente interrogazione parlamentare (4-01027), da me presentata il 16 settembre 2008, venivano richiesti chiarimenti riguardo le ingenti somme accantonate e/o non utilizzate per i fini propri della Cassa, come peraltro rilevato da un apposito giudizio della Corte dei Conti;

Per sapere:

- per quali motivi non sono stati versati i fondi previsti dalla riforma carceraria che prevedono per il solo primo trimestre 2008, il versamento di 4 milioni di Euro alla Regione Lazio per far fronte alle cure e all'assistenza di circa cinquemila detenuti;

- se i versamenti previsti alle altre Regioni nel primo trimestre 2008 sono stati effettuati;

- se non ritenga il Governo che sia sempre più urgente istituire la figura del Garante dei detenuti affinché le carenze assistenziali e di aiuto della popolazione carceraria vengano monitorate e si possa con maggiore celerità intervenire anche a livello strutturale;

- se non ritenga necessario destinare con urgenza parte dei fondi della Cassa delle Ammende a questa gravissima emergenza che viola i più elementari diritti civili e umani della popolazione carceraria

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget