L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





sabato 20 settembre 2008

CARCERI: I MEDICI, ISTITUTI PENA VICINI AL SOVRAFFOLLAMENTO

(ANSA) - VITERBO, 20 SET - In quasi tutte le carceri italiane il numero dei detenuti e' tornato oltre la capienza regolamentare, anche se resta ancora al di sotto della tollerabilita' massima. In sintesi, non e' ancora emergenza da sovraffollamento, ma ci si sta avvicinando a grandi passi.
L'effetto indulto e' di fatto svanito. E' uno dei dati emersi dalla due giorni di studi su 'Novita' e progetti di salute per le persone detenute', concluso oggi a Viterbo, organizzato dalla Simspe (Societa' italiana di medicina e sanita' penitenziaria) e dalla Asl di Viterbo per fare il punto sul passaggio delle competenze in materia di assistenza sanitaria nelle carceri dal ministero della Giustizia alle Asl.
La capienza complessiva delle carceri italiane, hanno spiegato i relatori, e di 42.974, mentre la tollerabilita' massima e' stata fissata in 63.406 presenze, circa un terzo in piu' rispetto ai posti disponibili. Attualmente i reclusi sono 55.960, e il loro numero cresce di giorno in giorno. Nei prossimi mesi la situazione sara' identica a quella pre-indulto, con un sovraffollamento insopportabile da tutti i punti di vista, a cominciare dall'assistenza sanitaria e della tutela del diritto alla salute per le persone detenute.(ANSA).

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget