L'Associazione Il Detenuto Ignoto nasce con l'intento di affermare e promuovere i diritti dei cittadini detenuti, in attuazione di quanto disposto dall'articolo 27 della Costituzione italiana. Il Detenuto Ignoto in questi anni è stata animatrice di importanti iniziative, attraverso lo studio delle realtà e delle politiche del sistema penitenziario italiano, la consulenza e la produzione legislativa, il coordinamento di comitati, l'organizzazione di seminari, convegni, eventi e manifestazioni.

COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE:

email: Info@DetenutoIgnoto.com


Via di Torre Argentina 76, presso Partito Radicale 00186 Roma





giovedì 31 luglio 2008

Carceri/Osapp: nuova emergenza sovraffollamento,ripensare sistema

Roma, 31 lug. (Apcom) - "Mentre i politici sono intenti ad altro, con uno sguardo rivolto alle meritate vacanze, assistiamo all'ennesimo disastro di un sistema carcerario che registra una presenza effettiva di 54.945 detenuti, oltre quella presunta dei 42.950: con una affluenza di quasi mille reclusi ogni mese, il sistema rischia di superare presto tutti i livelli di tollerabilità consentiti". Il segretario generale dell'Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria (Osapp) Leo Benedici lancia un nuovo allarme sovraffollamento.

"A questo proposito, alla luce della realtà descritta dai numeri, notiamo come certe iniziative spot, come l'utilizzo di braccialetti elettronici per il controllo dei condannati, assumano il sapore delle idee stantie, non al passo con una condizione mutata negli anni", continua Beneduci.

"A ragionare d'altro - prosegue il segretario dell'Osapp - ad oggi ci troviamo ad affrontare due realtà carcerarie ben identificate, comunque assimilate tra loro: gli stranieri e i detenuti in attesa di giudizio".

"Per gli stranieri costretti in cella registriamo ogni anno un flusso medio di 17.000 unità, che il meccanismo delle espulsioni non contribuisce ad alleviare se nel 2005 i provvedimenti di espulsioni erano 1.242, crollati solo nel primo semestre del 2008 a quota 256. Per i reclusi in attesa di giudizio - lamenta il sindacato - il bilancio è ben piú pesante, se pensiamo che, su un totale di 48.963 (dati di dicembre 2007), solo 19 mila detenuti si trovano in cella per effetto di sentenza definitiva".

Per l'Osapp è quindi "necessario ripensare all'intero sistema e ci chiediamo se non sia piú rischioso ragionare ancora cosí, o affrontare una volta per tutte le cose da un altro punto di vista evitando inutili trovate pubblicitarie".

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget